Come ti smonto il bullo

PDF
Stampa
E-mail
Scritto da Administrator
Venerdì 20 Marzo 2009 14:01

Percorsi di formazione per insegnanti per una gestione mediata dei conflitti e per il contrasto al fenomeno del bullismo

La proposta di Eirene di presentare nelle scuole un percorso di riflessione, dedicato agli insegnanti, sul tema della gestione dei conflitti, rappresenta un motivo per rinnovare l’impegno nella discreta ma determinata educazione al convivere civile e al rispetto della sensibilità altrui in un’ottica di prevenzione e di costruzione del benessere personale e relazionale.

Destinatari

Il presente progetto formativo è rivolto agli insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori.

Il percorso completo prevede: 6 incontri della durata di 3 ore ciascuno

Finalità

La finalità principale di questo percorso di formazione è quella di introdurre il tema della gestione dei conflitti favorendo negli insegnanti la riflessione circa la necessità di vivere i conflitti che quotidianamente si incontrano in ambito scolastico (ma non solo), con consapevolezza, riconoscendo le emozioni e passioni che li animano, e trasformandoli in occasioni di apprendimento.

Metodologia

Il percorso di formazione prevede una partecipazione attiva da parte dei corsisti, attraverso un'alternanza di momenti di lezione frontale e attività di confronto in gruppo.

Gli interventi prevedono l'alternarsi di figure professionali diverse: formatore, mediatore e counselor. Un tutor inoltre sarà presente a tutti gli interventi al fine di facilitare l'organizzazione dei corsi e il collegamento tra i relatori.

Relatori

Luisa Ghianda, counselor psicosociale; formata in Analisi transazionale e conduzione di gruppo con metodi attivi; si occupa di formazione comportamentale nonché di consulenza emotiva in ambito privato. Iscritta all'albo del CNCP (Coordinamento nazionale Counselor professionisti) e specializzata sul tema del conflitto presso il "Centro psicopedagogico per la gestione dei conflitti" di Piacenza, fondato e diretto da Daniele Novara.

Si sta ora dedicando allo studio del metodo psicodrammatico presso il Centro studi di psicodramma e metodi attivi di Milano.

Roberta Naclerio, psicologa psicoterapeuta a orientamento sistemico familiare, si occupa di formazione in ambito sociale e di consulenza psicopedagogica alle scuole. Collabora inoltre a progetti di mediazione interculturale in ambito scolastico e sociale.

Tamara Mazzoleni, laureata in Scienze dell'educazione, con un master di specializzazione in Diritti umani ed etica della cooperazione internazionale.

Partecipazione al corso di formazione "Stare nel conflitto: la mediazione sociale" con Centro Eirene; un corso di “Educazione allo sviluppo: percorso di formazione per docenti e operatori di cooperazione” dell'Università degli studi di Bergamo e dell'Ufficio Pace e coopearazione (BG).

Dal 2001 si occupa di processi di formazione per giovani ed adulti in diversi ambiti: educazione allo sviluppo, educazione alla cittadinanza attiva, gestione delle dinamiche di gruppo e dei conflitti.

Sara Polattini, laureata in Scienze dell'educazione, attualmente specializzanda in Consulenza pedagogica e ricerca educativa con una tesi sull'aggressività e la gestione creativa dei conflitti presso l'Università degli studi di Bergamo.

Partecipazione al corso di formazione "Stare nel conflitto: la mediazione sociale" con Centro Eirene e ad un corso annuale come “esperto in gestione risorse umane” della Camera di Commercio di Bergamo.

Dal 2001 si occupa di processi di formazione per giovani ed adulti in diversi ambiti: educazione alla cittadinanza attiva, gestione delle dinamiche di gruppo e dei conflitti.

Sei interessato a questo progetto? Scarica e spediscici il modulo di adesione.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 24 Settembre 2009 14:55 )

Perché Eirene

PDF
Stampa
E-mail
Scritto da Administrator
Mercoledì 02 Aprile 2008 22:31

La ragione del nostro nome

“Poi Zeus sposò la lucente Themis, che diede alla luce Horai (Ora)
ed Eunomia (Ordine), Dike (Giustizia) e la fiorente Eirene (Pace),
colei che dà significato ai travagli degli uomini mortali”.
(Teogonia, 901)

Parola e immagine, donna immortale e simbolo delle due più grandi civiltà dell’Antichità europea: Eirene era la divinità greca che personificava la pace, mentre Pax essa si chiamava presso i Romani, a partire dal regno di Augusto. Il suo tempio si trovava nel Campo Marzio, ed era chiamato Ara Pacis. La dea era raffigurata da una giovane donna recante, in una mano, un ramoscello d'olivo con la cornucopia, mentre nell’altra sosteneva il giovane Plutone, simbolo della ricchezza che solo la pace può produrre.

Con un simbolo tanto antico, ma più che mai attuale, invocata da milioni di uomini e donne a millenni dallo splendore e dalla saggezza degli Antichi, a Eirene abbiamo dedicato il nostro Centro Studi per la Pace: un piccolo grande universo di speranza per lasciare una testimonianza nel tempo, per tracciare una memoria critica sulle conseguenze delle guerre, per ricordare a tutti gli uomini della Terra che la guerra è la più grande e feroce follia umana.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 10 Luglio 2009 15:55 )